Mina - Ma se ghe penso Songtext

Mina - Ma se ghe penso Übersetzung

O l'ëa partio sensa ûn-a palanca,
L'ëa zâ trent'anni, forse anche ciû.
O l'aveiva lottou pe mette i dinæ a-a banca
E poèisene ûn giorno vegnî in zû
E fäse a palassinn-a e o giardinetto,
Co-o rampicante, co-a cantinn-a e o vin,
A branda attaccâ a-i ærboi, a ûso letto,
Pe daghe 'na schenâ séia e mattin.
Ma o figgio o ghe dixeiva: "No ghe pensâ
A Zena cöse ti ghe vêu tornâ?!"

Ma se ghe penso alloa mi veddo o mâ,
Veddo i mæ monti e a ciassa da Nonsiâ,
Riveddo o Righi e me s'astrenze o chêu,
Veddo a lanterna, a cava, lazzû o mêu...
Riveddo a séia Zena illûminâ,
Veddo là a foxe e sento franze o mâ
E alloa mi penso ancon de ritornâ
A pösâ e osse dov'ò mæ madonnâ.

E l'ëa passou do tempo, forse troppo,
O figgio o l'inscisteiva: "Stemmo ben,
Dove ti vêu andâ, papà?. pensiemo doppo,
O viägio, o mâ, t'é vëgio, no conven!" -
"Oh no, oh no! me sento ancon in gamba,
Son stûffo e no ne posso pròprio ciû,
Son stanco de sentî señor caramba,
Mi vêuggio ritornamene ancon in zû...
Ti t'é nasciûo e t'æ parlou spagnollo,
Mi son nasciûo zeneize e... no me mollo!"

Ma se ghe penso alloa mi veddo o mâ,
Veddo i mæ monti e a ciassa da Nonsiâ,
Riveddo o Righi e me s'astrenze o chêu,
Veddo a lanterna, a cava, lazzû o mêu...
Riveddo a séia Zena illûminâ,
Veddo là a foxe e sento franze o mâ,
Alloa mi penso ancon de ritornâ
A pösâ e osse dov'ò mæ madonnâ.

E sensa tante cöse o l'è partïo
E a Zena o gh'à formóu torna o so nïo
Songtext-ubersetzung.com

Era partito senza un soldo,
Erano già trent'anni, forse anche più.
Aveva lottato per mettere i denari in banca
E potersene un giorno venire in giù
E farsi la palazzina e il giardinetto,
Con il rampicante, con la cantina e il vino,
La branda attaccata agli alberi a uso letto,
Per darci una schienata sera e mattina.
Ma il figlio gli diceva: "Non ci pensare
A Genova cosa ci vuoi tornare?!"

Ma se ci penso allora io vedo il mare,
Vedo i miei monti e piazza della Nunziata,
Rivedo Righi e mi si stringe il cuore,
Vedo la lanterna, la cava, laggiù il molo...
Rivedo la sera Genova illuminata,
Vedo là la foce e sento frangere il mare
E allora io penso ancora di ritornare
A posare le ossa dalla mia nonna.

Ed era passato del tempo, forse troppo,
Il figlio insisteva: "Stiamo bene,
Dove vuoi andare, papà?. penseremo dopo,
Il viaggio, il mare, sei vecchio, non conviene!"
"Oh no, oh no! mi sento ancora in gamba,
Sono stufo e non ne posso proprio più,
Sono stanco di sentire señor carramba,
Io voglio ritornarmene ancora in giù...
Tu sei nato e hai parlato spagnolo,
Io sono nato genovese e... non mi mollo!"

Ma se ci penso allora io vedo il mare,
Vedo i miei monti e piazza della Nunziata,
Rivedo Righi e mi si stringe il cuore,
Vedo la lanterna, la cava, laggiù il molo...
Rivedo la sera Genova illuminata,
Vedo là la foce e sento frangere il mare,
E allora io penso ancora di ritornare
A posare le ossa dalla mia nonna.

E senza tante cose è partito
E a Genova ci ha formato di nuovo il suo nido.

O l'ëa partio sensa ûn-a Palanca,
L'ëa zâ trent'anni, forse anche ciû.
O l'aveiva lottou pe mette ich dinæ a-a banca
E poèisene ûn giorno vegnî in zû
E fäse ein palassinn-a e o giardinetto,
Co-o rampicante, co-a cantinn-a e o vin,
Ein branda attaccâ a-i ærboi, ein ûso letto,
Pe daghe 'na schenâ séia e mattin.
Ma o figgio o ghe dixeiva: "Keine ghe pensâ
Ein Zena cöse ti ghe vêu tornâ ?! "

Ma se ghe penso alloa mi veddo o mâ,
Veddo i mæ monti e a ciassa da Nonsiâ,
Riveddo o Righi e ich s'astrenze o chêu,
Veddo eine Laterne, eine Cava, lazzû o mêu ...
Riveddo a séia Zena illûminâ,
Veddo là a foxe e sento frankreich o mâ
E alloa mi penso ancon de ritornâ
Ein pösâ e osse dov'ò mæ madonnâ

E l''a passou do tempo, forse troppo,
O figgio o l'inscisteiva: "Stemmo ben,
Dove ti vêu undâ, papà ?. Pensiemo doppo,
O viägio, o mâ, t'é vëgio, kein conven! "-
"Oh nein, oh nein, ich schickte ancon in gamba,
Son stûffo e nein ne posso pròprio ciû,
Son stanco de sentî señor caramba,
Mi vêuggio ritornamene ancon in zû ...
Ti t'é nasciûo e t'æ parlou spagnollo,
Mi Sohn nasciûo zeneize e ... nein ich Mollo! "

Ma se ghe penso alloa mi veddo o mâ,
Veddo i mæ monti e a ciassa da Nonsiâ,
Riveddo o Righi e ich s'astrenze o chêu,
Veddo eine Laterne, eine Cava, lazzû o mêu ...
Riveddo a séia Zena illûminâ,
Veddo là a foxe e sento frankreich o mâ,
Alloa mi penso ancon de ritornâ
Ein pösâ e osse dov'ò mæ madonnâ

E sensa tante cöse o l'è partïo
E a Zena o gh'à formóu torna o so nïo
Songtext-ubersetzung.com

Era partito senza un soldo,
Erano già trent'anni, forse anche più
Aveva lottato per mettere i denari in banca
E potersene un giorno venire in giù
E farsi la palazzina e il giardinetto,
Con il rampicante, con la cantina e il vino,
La branda attaccata agli alberi ein uso letto,
Per darci una schienata sera e mattina.
Ma il figlio gli diceva: "Nicht ci pensare
Ein Genova cosa ci vuoi tornare ?! "

Ma se ci penso allora io vedo il Stute,
Vedo i miei monti e piazza della Nunziata,
Rivedo Righi e mi si stringe il cuore,
Vedo la lanterna, la cava, laggiù il molo ...
Rivedo la sera Genova illuminata,
Vedo là la foce e sento frangere il Stute
E allora io penso ancora di ritornare
Eine posare le ossa dalla mia nonna.

Ed era passato del tempo, forse troppo,
Il figlio insisteva: "Stiamo bene,
Dove vuoi undare, papà ?. Penseremo dopo,
Il viaggio, il Stute, sei vecchio, nicht conviene! "
"Oh nein, oh nein! Mi sento ancora in gamba,
Sono stufo e nicht ne posso proprio più,
Sono stanco di sentire señor carramba,
Io voglio ritornarmene ancora in giù ...
Tu sei nato e hai parlato spagnolo,
Io sono nato genovese e ... nicht mi mollo! "

Ma se ci penso allora io vedo il Stute,
Vedo i miei monti e piazza della Nunziata,
Rivedo Righi e mi si stringe il cuore,
Vedo la lanterna, la cava, laggiù il molo ...
Rivedo la sera Genova illuminata,
Vedo là la foce e sento frangere il Stute,
E allora io penso ancora di ritornare
Eine posare le ossa dalla mia nonna.

E senza tante cose è partito
E a Genova ci ha formato di nuovo il suo nido.


Zuletzt bearbeitet von: Anonym

Übersetzung bearbeiten